Cosa collega ipoacusia e decadimento cognitivo?

cellule nervose Astrociti e cellule nervose

I risultati di questo studio, oltre che confermare la relazione tra perdita uditiva e declino mentale, sottolineano quanto sia essenziale che i medici affrontino con i pazienti la questione delle loro capacità uditive per evitare che la soluzione al problema venga rimandata nel tempo.

Una volta accertato il rapporto tra i due fenomeni si sta cercando il motivo da cui tale legame è determinato.

 

 

Esistono tre ipotesi molto valide:

la prima evidenzia come gli anziani con difficoltà uditive siano anche isolati socialmente ed è noto come la solitudine aumenti il rischio di declino mentale;

la seconda sostiene che il cervello di un ipoacusico sia costretto a concentrarsi moltissimo nella percezione dei suoni sottraendo energie ad altre attività come pensare o ricordare.

La terza ipotesi si interroga sulla possibile esistenza di danni cerebrali che provochino contestualmente la perdita dell'udito e il declino cognitivo.

 

Il numero di anziani afflitti da problemi cognitivi è destinato ad aumentare, raddoppiando ogni 20 anni come conseguenza dell'invecchiamento della popolazione mondiale: è di assoluta priorità capire quali siano le condizioni che favoriscano la comparsa di tali situazioni e quali siano i metodi di prevenzione.

In seguito alla recente scoperta sopra descritta, sta salendo alla ribalta un'altro aspetto finora poco considerato: l'efficacia degli apparecchi acustici nel restituire l'udito e rallentare la degenerazione cognitiva.

 

 

 

HOME

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© AUDIRE di Angiola Scibona Via Franchino Gaffurio 42 26900 LODI Partita IVA: 08827760151

Chiama

E-mail

Come arrivare